St Davids – Pentraeth – Holy Island

22 giugno
Dopo aver fatto carico/scarico e dopo aver fatto spesa allo shop del campeggio partiamo direzione nord: abbiamo deciso di tagliare via tutta la parte centrale del Galles e dirigerci all’isola di Anglesey. Poco dopo la partenza ci fermiamo a visitare il bel dolmen di Pentre Ifan e poi via sulle scorrevoli strade gallesi attraversando belle zone di montagna (Snowdonia, che sicuramente sarebbe valsa la pena di visitare meglio) fino ad entrare attraverso il Britannia Birdge nell’isola di Anglesey per fermarci subito dopo a visitare il paese dal nome più lungo del mondo: Llanfairpwllgwyngyllgogerychwyrndrobwllllantysiliogogogoch, sosta obbligata per noi dopo aver visitato l’anno scorso quello col nome più corto, “A” alle Lofoten. Bello e relativamente conveniente il negozio di souvenir/abbigliamento/casalinghi/dolciumi/eccecc che si trova nella piazza. Pochi km ancora e ci fermiamo per la notte, non dopo una bella cena al pub che ci ospita.
Km totali: 282

Stassera si dorme qui
Coordinate: 53.28183 -004.21494
The Panton Arms – Pub di Pentraeth aderente al circuito BritStop che mette a disposizione il proprio parcheggio in cambio di una consumazione: cena super abbondante per tre a 32 sterline.



23 giugno
Sveglia tardi dovuta all’abbondante cena di ieri sera, poi mattinata in giro per l’isola a cercare i tanti dolmen, menhir e tumuli disseminati nella sua campagna. Nel pomeriggio passeggiata (400 scalini!) al faro di South Stack con vista su di una immensa colonia di gazze marine e, finalmente dopo anni che le inseguivamo, anche di poche, rare ma bellissime pulcinelle di mare.
Km totali: 60

Stassera si dorme qui
Coordinate: 53.30500 -004.69032
Parcheggio del Centro Visitatori del faro di South Stack, gratuito, senza divieti.



Questa voce è stata pubblicata in Europa, Inghilterra e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi