Heimaey

12/07/2018
Stamattina sveglia presto e subito a caccia di pulcinelle. Come promesso dalle guide l’isola ne conta parecchie e le scogliere sono popolate da questi simpatiche creature ma la fitta nebbia, la pioggerellina e soprattutto le scogliere viscide per la pioggia ci impediscono di fare buoni scatti, oltretutto queste pulcinelle sono meno abituate ai turisti rispetto a quelle viste in precedenza e fuggono se ci si avvicina troppo. Poco male, l’isola offre anche altre attrattive: ci spingiamo fino in cima all’Eldheimar, il vulcano che nel 1973 ha quasi distrutto il paese seppellendo 400 case, ed il museo a lui dedicato, costruito su una abitazione seppellita dalle ceneri vulcaniche e recuperata a dimostrazione della forza dell’eruzione.
Dopo un buon fish&chips al Grillhus un giro in paese dove è ancora più evidente quanto la lava sia arrivata vicino a distruggere tutto, impressionante la salita sul muro di lava e la passeggiata con le lapidi delle case sepolte 16 mt più sotto.
Km totali: 29,3

Stassera si dorme qui
Coordinate: N63.574055 O020.063178
Area picnic lungo la strada per il porto di Landeyjahofn


Questa voce è stata pubblicata in Europa, Islanda e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *